Altracitta’:il progetto

….economia altra….finanza altra…..crescita altra…..società altra…….città altra !!!

“Altracittà” … un progetto  di IDES (associazione non profit : www.ides-ong.org), per avvicinare i cittadini al mondo della solidarietà in una città più aperta, più colta più prospera.

La Vision di “Altracittà”

La “Vision” di Altracittà è quella di trasformare il modo in cui le persone vivono la solidarietà nella propria città.Ma anche il modo in cui vivono lo shopping, il tempo libero,l’arte e la cultura . Il progetto “Altracittà” utilizza nuove applicazioni per dispositivi mobili (Tablet-Smartphones ecc) che servono a far partecipare tutti i cittadini a concreti progetti di solidarietà nella propria città, e che servono anche ad avvicinare i giovani e le persone in genere al mondo dell’arte e della cultura e a vivere eccitanti esperienze durante la visita a piazze, negozi,musei,chiese.

La Mission di “Altracittà”

1)Raccogliere fondi.Riteniamo che il nostro progetto possa modificare il modo in cui si possono raccogliere fondi nella propria città a favore di cause nobili proposte proprio vicino al luogo in cui si vive avvicinando così il mondo del profit a quello del non profit .
2)Diffondere cultura e conoscenza .Avvicinare i monumenti, le piazze, le opere d’arte ai giovani e alle persone in un nuovo modo piu’ coinvolgente , più ricco più divertente
3)Raccontare la città per farla crescere .Raccontarla in un nuovo modo interessante e divertente .Coinvolgere e interessare gli operatori della cultura dell’economia e i piccoli commercianti affinchè raccontino alla città di sé stessi , della propria attività , delle proprie esperienze. Un modo nuovo per farsi conoscere ,per crescere e per socializzare!
Rendere la citta’ più aperta più trasparente e soprattutto più solidale.Questa è la missione del progetto “Altracittà”.

Cosa possiamo offrire con le nostre applicazioni agli abitanti e ai visitatori delle nostre città

1. Raccolta di fondi a favore di cause nobili riguardanti la propria città, percorsi sicuri per ipovedenti, servizi di tracciamento di percorsi all’interno di grandi edifici (Ospedali supermarket, musei ecc)
2. Pubblicità personalizzata, discreta, divertente, coinvolgente, nelle immediate vicinanze di ogni esercizio commerciale e/o professionale e all’interno dello stesso
3. Descrizione personalizzata delle vetrine , spiegazione dei menu e dei servizi dei ristoranti , bar, alberghi all’ingresso degli stessi, offerta di sconti e premi.
4. Erogazione di Contenuti multimediali divertenti (Parlato,film, immagini,suoni, testi) a chi passeggia per la città
5. Visite personalizzate e coinvolgenti ai luoghi d’arte, alle piazze alle chiese e ai musei
6. Supporto informatico continuo della rete Internet attraverso piccoli trasmettitori radio dislocati in vari punti della città.
7. Personalizzazione dei contenuti erogati a ciascuno durante il percorso di visita in città
8. Ricerca intelligente e personalizzata di luoghi e attività
9. Condivisione sui social networks dei momenti ed esperienze vissute
10. Divertimento e giochi
11. Annunci pubblicitari locali gratis a chiunque
12. Analisi dei dati (per gli amministratori privati e pubblici)

Una nuova tecnologia per il progetto

“Altracittà” adotta una nuova ma solida e sperimentata tecnologia che usa ,in abbinamento agli smartphones, dei mini trasmettitori radio a bassa frequenza in plastica molto leggeri e poco costosi dotati di una batteria che dura fino a 3 anni.Si fissano alle pareti e agli oggetti con un piccolo nastro biadesivo. Trasmettono con potenze bassissime assolutamente innocue per l’uomo. Non richiedono fili e manutenzione. Quando uno smartphone si avvicina a un “trasmettitore” (Entra nel raggio di azione dello stesso di circa 70 metri) viene inviato a quello smartphone un messaggio predisposto per quel trasmettitore: testo, foto, audio ,video.Il messaggio è predisposto in funzione del luogo fisico in cui è stato collocato il “trasmettitore” e in funzione della distanza da esso alla quale si desidera che il messaggio venga inviato. Avendo numerosi mini trasmettitori dislocati nei luoghi di interesse è quindi possibile inviare diversi messaggi che dipendono dal punto esatto in cui si trova il possessore dello smartphone. Con la nostra nuova tecnologia i luoghi e gli oggetti non sono più statici ma si animano, parlano, coinvolgono divertono. La nuova tecnologia inoltre apre “strade nuove” al settore del sociale. I “mini trasmettitori” per esempio possono indicare con precisione la strada nelle città agli ipovedenti permettendo agli stessi di muoversi nelle vie con la massima sicurezza possono indicare la strada con precisione anche all’interno degli edifici chiusi, per esempio gli ospedali,possono aiutare i cittadini a spostarsi in città con i mezzi pubblici indicando gli autobus da utilizzare ecc.La tecnologia che utilizziamo e’ stata sviluppata da “Apple” per il suo sistema operativo “iOS” e anche da “Google” per il sistema operativo “Android” Può essere quindi utilizzata da tutti i dispositivi mobili di ultima generazione presenti sul mercato.

La comunicazione 

Gli oggetti si raccontano

Le piazze,le chiese, le fontane, gli alberi,i monumenti delle città, i negozi, i bar e ristoranti gli hotel ecc. raccontano la propria storia.
Il sistema di comunicazione con il pubblico come sopra accennato, avverrà attraverso lo smartphone che ciascuno possiede. Sarà la App stessa che in automatico selezionerà l’oggetto più vicino che inizierà a raccontare la propria storia.L’utilizzatore cioè trovandosi per esempio al centro di una piazza interagisce con l’oggetto più vicino (esempio una fontana) . In modo automatico sul display dello smartphone  apparirà un piccolo messaggio  con un testo  pertinente che se selezionato potrà raccontare dell’oggetto stesso . Se l’utilizzatore si sposterà di qualche metro e si avvicinerà a un’altro oggetto presente nella piazza,esempio una chiesa riceverà dalla chiesa un  successivo messaggio relativo alla chiesa stessa .A successivi spostamenti dell’utilizzatore corrisponderà la ripetizione del ciclo di cui sopra. Per poter innescare il ciclo l’utilizzatore dovrà semplicemente collegarsi alla applicazione “Altracitta’” tramite il suo cellulare ,seguire le semplici istruzioni che trova nel sito e avvicinarsi a un qualsiasi oggetto della piazza dotato del piccolo trasmettitore.In una prima fase di avvio ci sarà una App per ogni città , quartiere, via, ma in seguito una sola App potrà essere utilizzata in tutta l’Italia . Per cui se l’utente si sposterà da una città a un’altra non avrà la necessità di utilizzare un’altra App. Sarà la App stessa a individuare la città in cui si trova e a comportarsi di conseguenza. Entro breve tempo usciranno nuove generazioni di smartphone che avranno la possibilità “nativa” di comunicare con i minitrasmettitori di tutto il mondo senza quindi la necessità di doversi collegare con una app specifica.

Modalità operative della Applicazione

Un modo utile e divertente per raccontare.
La app avrà tre’ funzionalità fondamentali di di cui il visitatore potrà usufruire passeggiando per le vie con o senza l’auricolare.
1. Funzione educativa culturale e ludica : La App racconta al visitatore la storia di monumenti , piazze, chiese , parchi, musei ecc presenti in città.La app permette di accedere a giochi in cui vengono coinvolti i cittadini nelle strade e nelle piazze. (es. caccia al tesoro effettuata tramite lo smartphone.)
2. Funzione commerciale :La App racconta al visitatore la storia dei propri esercizi commerciali , negozi, ristoranti supermarket , aziende ecc, illustra e spiega le vetrine,le merci esposte, invita a entrare nei ristoranti e spiega i menu, le offerte speciali ecc quando l’utilizzatore si trova nelle immediate vicinanze dei luoghi di cui sopra.
3. Funzione solidale: La App raccoglie fondi a favore di concreti progetti di solidarietà che verranno sviluppati nelle città quando il possessore dello smartphone si avvicina ai luoghi di cui sopra.

La funzione educativa  culturale e ludica

Saranno disponibili due sezioni della App. Una per bambini fino ai 14 anni e una per adulti . La sezione per bambini sarà impostata come il racconto di una fiaba per cui il bambino che passeggierà per la piazza o museo ascoltando lo smartphone si sentirà raccontare dagli oggetti che ha di fronte a sé le loro storie come se gli oggetti fossero dotati di una propria personalità e di una propria voce. Il racconto di una chiesa quindi non inizierà con “Questa chiesa e’ denominata S. Giorgio e’ stata costruita….” ma inizierà più o meno così: “ ciao!Io sono la chiesa di San Giorgio, mi hanno costruita …. quando tu non eri ancora nato nel lontanissimo anno del signore …….”. La stessa cosa accadrà per gli altri oggetti e anche per monumenti, bar, negozi, alberi ecc ecc.
Con la collaborazione dei sovraintendenti alla cultura della città sarà possibile infine inserire nella stessa App una audioguida per poter visitare i vari musei presenti in città.
Quindi per ogni “oggetto” di valenza storico-culturale sarà costruita una storia da una persona qualificata da ascoltare o da leggere sullo smartphone. I contenuti a finalità culturale della App dovranno avere tuttavia delle caratteristiche particolari : dovranno essere divertenti e coinvolgenti. Se i contenuti devono essere ascoltati o letti durante una passeggiata o una visita alla città si cercherà di divertire e interessare chi legge o ascolta e non annoiarlo! Si dovranno raccontare cioè delle storie dei luoghi e degli oggetti che si incontrano per strada con delle particolarità e curiosità che normalmente non si trovano sui testi di storia o di storia dell’arte. Per esempio il racconto della battaglia di Legnano nella città di Legnano (Milano) scaricabile in piazza Alberto da Giussano a Legnano dovrà privilegiare gli aspetti curiosi e umani dell’evento e saranno invece presenti ma sullo sfondo gli aspetti storici e i risvolti politici dell’epoca. Anche il linguaggio utilizzato, cioè il modo in cui si espongono le cose dovrà essere coinvolgente e divertente intercalando magari nel racconto frasi dialettali o modi di dire titpici dei Legnanesi. Insomma una storia della battaglia di Legnano diversa come nessuno la ha mai raccontata. Per questo saranno avvisati i presidi delle varie scuole della città e con essi saranno coinvolti come volontari alcuni insegnanti che possono contribuire con i propri allievi a popolare la app di interessanti e inediti contenuti culturali.La applicazione infine potrà essere utilizzata per giochi di caccia al tesoro in città attivabili sullo smartphone di chiunque si voglia cimentare . I giochi potranno essere modificati nel tempo e avranno di volta in volta sempre diversi contenuti culturali adatti a diffondere conoscenza trà i partecipanti. Ogni testo e ogni contenuto, scritto , audio e video saranno sottoposti alla approvazione e revisione di un esperto incaricato dalla scrivente associazione non profit.

La funzione commerciale e le offerte speciali

La funzione commerciale è indispensabile per poter finanziare la pubblicità al sito e inoltre rappresenta una nuova modalità per il commerciante di farsi pubblicità e per il cittadino di passeggiare per le vie della città e di fare shopping. Questa funzionalità commerciale si fonda su due importanti elementi innovativi
1)Rispetto a altri sistemi di pubblicità trattasi prevalentemente di pubblicità geolocalizzata, legata cioè al luogo in cui si trova il promotore della pubblicità. La pubblicità cioè avrà luogo nella stessa citta’ in cui si trova chi la promuove e soprattutto quando l’utente si trova vicino al luogo fisico (negozio,bar, ristorante ecc) emissario della pubblicità. (Cioè in genere quando “ci passa davanti”).Inoltre l’utente che entrerà fisicamente nell’esercizio pubblico che emette il messaggio pubblicitario potrà usufruire di sconti e offerte speciali predisposte dall’esercizio stesso e che possono essere aggiornate periodicamente.
2)Non saranno inviati dei messaggi pubblicitari “ordinari” che sarebbero noiosi e poco interessanti per l’utente.La pubblicità sarà fornita invece in modo più interessante raccontando “la storia” dell’esercizio commerciale in modo personalizzato e divertente in modo da invitare chi la ascolta al proseguimento dell’ascolto o della lettura e interessare l’utente ai prodotti/servizi forniti. In pratica chi “passa davanti” alla vetrina del negozio si vede scaricare sul cellulare la descrizione dei prodotti e la storia dell’esercente. Anche chi si collega da casa avrà la possibilità di leggere la stessa storia ma in modo non interattivo.
Per maggiore chiarezza riportiamo di seguito le prime frasi “tipo” che ascolterà il passante quando si avvicina a un bar o a un negozio di abbigliamento
Il Bar:
“Ciao sono “Pino”il proprietario del” Bar del Corso” stamattina mi sono svegliato prestissimo per prepararti le brioche calde che vedi sul banco. Sono anni che preparo brioche e se non ne hai ancora assaggiata neppure una non sai cosa ti sei perso ! Figurati che ho aperto questo bar 20 anni fa e ogni mattina io e mia moglie prepariamo brioche calde con marmellata, miele, cioccolata. Non lo diciamo noi ! Tutti ci dicono che le nostre brioche sono veramente speciali! Vieni a provarne una , siediti pure al tavolino, non c’e’ per tè nessun sovraprezzo! Se hai un po’ di pazienza ti racconto la storia di questo bar e della mia famiglia!” (segue la storia del bar e di chi lo gestisce).
Il negozio di abbigliamento:
“Ciao mi chiamo “Daniela” . Sono sposata e ho un bambino di 3 anni “Luca” che e’ “la luce dei miei occhi”. Ogni mattina prima di aprire il negozio lo porto all’asilo.Sono appassionata di sartoria fino da quando ero piccola, : Mi cucivo io i vestitini della mia Barby! Solo dopo sposata e dopo che e’ nato “Luca” sono riuscita finalmente con l’aiuto di mio marito e dei miei genitori ad aprire questo negozio che come vedi e’ specializzato in abbigliamento “ trend” che fa tendenza!! Oggi ho messo in vetrina la nuova collezione “autunno inverno 2016”. Hai visto quel bel completino in vetrina color “carta da zucchero”!! Non è un amore? Guarda che dentro al negozio ho anche la borsetta che si abbina al vestitino. Ti faccio un prezzo speciale solo perchè mi stai ascoltando !Entra senza impegno che te lo faccio provare! (Segue la descrizione della vetrina).
Come si capisce chiaramente trattasi di un “nuovo” modo di fare la pubblicità assolutamente impensabile prima dell’avvento della “geolocalizzazione”! La personalizzazione di ciascun messaggio pubblicitario o “storia” , il racconto coinvolgente e divertente di chi stà dietro a un marchio o a una insegna o a una attività , in aggiunta alla descrizione dei servizi o prodotti offerti si sono dimostrate soluzioni vincenti per attirare il pubblico verso la propria attività. Esistono infatti innumerevoli casi di successo per la propria attività attraverso il “passaparola” sui social media quando ci si racconta in modo spontaneo e sincero agli altri. Ogni storia e ogni messaggio pubblicitario dovrà avere la approvazione di un emissario della scrivente associazione che redige allo scopo un “manuale” ad uso di chi scrive e pubblica i messaggi pubblicitari.
Tutti gli esercizi commerciali che aderiranno alla iniziativa saranno quindi registrati in un database che è visualizzabile comunque da chi accede alla applicazione (sito internet) dedicata alla città anche se non si trova nella immediate vicinanze dell’esercizio commerciale stesso.Il sito sarà infine dotato di un motore di ricerca che permettere di inserire e reperire annunci locali gratuiti che servono a aumentare i contatti e le visite della gente comune al sito.

La funzione solidale e sociale

La App è dotata di un sistema di raccolta fondi a favore di persone disagiate residenti in città o per cause nobili legate alla città stessa. I fondi verranno raccolti contabilizzando il numero di “ingressi” degli utilizzatori nei vari esercizi commerciali. Ogni commerciante (operatore ) per ogni ingresso ottenuto sarà tenuto a pagare una piccola quota che verrà devoluta in beneficenza. Sarà l’utilizzatore della App a scegliere a chi indirizzare i fondi trà differenti possibilità . L’utilizzatore potrà quindi raccogliere fondi semplicemente passeggiando per i negozi della città senza dover fare nulla e senza dover acquistare nulla. Un mini trasmettitore riposto all’interno del negozio registrerà, in modalità rigorosamente anonima, l’effettivo ingresso nel negozio (esercizio) dell’utente.Le differenti “cause nobili” a cui destinare i fondi saranno visibili all’interno della Applicazione in un apposito elenco e l’utente potrà scegliere a quale causa nobile destinare i fondi che raccoglie.La applicazione naturalmente contabilizzerà in modo intelligente gli ingressi e non contabilizzerà più di un ingresso al giorno per lo stesso utente. Sarà quindi disponibile all’interno della App un database di tutte la cause nobili da poter sostenere e a cui poter donare anche stando a casa con la propria carta di credito. Solo le associazioni specializzate e gli enti religiosi potranno inserire richieste per la raccolta di fondi , per evitare abusi nel sistema. In un secondo tempo la App verrà dotata anche di una ulteriore funzione legata alla presenza di numerosi trasmettitori in città: La guida delle persone ipovedenti in città. Una ulteriore importante funzione della App e’ la funzione sociale di aggregazione trà cittadini  e partecipazione. La App e’ concepita come strumento per “farsi conoscere” e per “conoscere” gli altri nella città o nel quartiere . La conoscenza degli altri e dei problemi degli altri stimola la partecipazione alla vita sociale in città  e la aggregazione di gruppi  . Ogniuno avrà accesso al blog e al servizio di annunci e  potrà rispondere agli articoli e partecipare alle discussioni. La impostazione stessa della App concepita come “racconto” di sè stessi  agli altri dei principali “attori” presenti in città , come “racconto” perfino degli oggetti agli altri, stimola alla conoscenza reciproca all’amicizia alla solidarietà.
Queste “Funzioni Solidali” della App assumono rilevanza non solo per la loro intrinseca caratteristica di poter “raccogliere fondi” per cause nobili o operare per cause nobili, ma servono anche a sviluppare e potenziare la “funzione commerciale” in quanto le varie associazioni di volontariato, religiose, civili ecc. presenti in città e destinatarie dei fondi raccolti o dei servizi offerti dalla App saranno interessate a promuovere e utilizzare a loro volta la App. Così come del resto la “funzione educativa” della App soprattutto nelle “città d’arte” mette il visitatore nelle condizioni di venire a conoscenza dei servizi commerciali e filantropici della App a tutto vantaggio della diffusione e utilizzo della App stessa e di tutti gli “stakeholders” (portatori di interesse).

Il progetto di divulgazione e di visibilità della App

Al fine di far conoscere al pubblico della città e a quello che passeggia per le vie o nelle piazze , per esempio i turisti, la esistenza della App occorrono diverse strategie integrate trà di loro.
1) Segnalazione della esistenza della App a tutti gli stackeholders come sopra indicato attraverso contatti personali con gli stessi e/o via email. Invitando gli stessi stackeholders a utilizzare ogni mezzo a loro disposizione per segnalare la esistenza della App a altri. Oltre che alle varie associazioni non profit e religiose presenti in città e alle autorità , il progetto sarà segnalato ai presidi delle scuole presenti in città al fine che a loro volta coinvolgano i vari docenti che possono contribuire sia alla formazione dei contenuti che alla divulgazione della App.
2) Volantinaggio in città .Esposizione nelle vetrine dei negozi di una apposita insegna che invita a collegarsi alla App anche per mezzo di un apposito Tag NFC (Un contrassegno grafico che se fotografato permette al telefonino di collegarsi alla App in automatico) . La insegna con il marchio “Ethicalworld “ Riportera’ una dicitura del tipo: “ Negozio convenzionato Ethicalworld. Entrando in questo negozio raccogli denaro per cause nobili nella nostra città”.Saranno inoltre predisposti volantini cartacei esplicativi da disporre anche all’interno dei negozi sul banco in evidenza. Con l’accordo del comune sarà anche possibile esporre al centro della piazza o su una parete della piazza principale in evidenza una targa o un manifesto che spiega all’utilizzatore come collegarsi alla App e i vantaggi che ottiene a utilizzarla
3) Segnalazione alle testate giornalistiche locali sia cartacee che multimediali con inserzioni e pubblicità anche a pagamento.
4) Utilizzazione di tecniche di “Social media marketing” e “Cause related marketing”. Saranno messi a disposizione uno o più esperti per il controllo delle azioni di marketing elettronico e/o almeno un community manager (Professionista specializzato nel creare comunità virtuali intorno a un determinato sito/tema).Il community manager avrà il compito di creare tutta una serie di siti accessori sui social media (Facebook, Twitter, GooglePlus ecc) che dovranno essere opportunamente gestiti e aggiornati al fine di creare una comunità virtuale attiva intorno al sito della città.La azione divulgativa attraverso internet e i social media sarà amplificata dalla valenza sociale della App (Cause related marketing) che deve essere utilizzata intelligentemente per coinvolgere il massimo numero di persone.

5)Organizzazione di giochi in città per bambini adulti e anziani che , grazie alle nuove tecnologie di localizzazione con gli smartphones possono coinvolgere e interessare i partecipanti e divulgare la conoscenza della nuova applicazione trà tutti gli abitanti. Il gioco della caccia al tesoro attraverso lo smartphone puo’ essere utile non solo per approfondire la conoscenza della cultura e della storia della città, ma anche per far conoscere i diversi soggetti economici che possono offrire un premio a chiunque trovi il tesoro collocato nella sede operativa. del soggetto economico stesso.

Le 4 macrofasi del progetto a livello locale

1)Informare e coinvolgere gli stackeholders

Segnalazione del progetto e coinvolgimento di associazioni non profit,associazioni religiose, presidi responsabili di scuole superiori, autorità comunali,organizzazioni di categoria, camera di commercio locale ecc.

2)Creare gruppi di volontari in città

I volontari verranno reclutati

1)Presso le parrocchie presenti in città

2)Presso le associazioni non profit e di volontariato

3)Presso le scuole superiori trà docenti e studenti . In particolare potranno essere indetti dei concorsi a premi per gli studenti che pubblicano gli articoli migliori riguardanti la la cultura della città la sua storia e la storia dell’arte.

Il compito dei volontari sarà quello di popolare il sito con contenuti interessanti e di fare pubblicità al sito tramite il passaparola e tramite ogni altra iniziativa.

3)Coinvolgere gli operatori economici

Selezione in città di gruppi di operatori economici di vari settori che condividano le stesse necessita’ di pubblicità e visibilità (esempio ristoranti, parrucchieri, estetisti, centri sportivi ecc), ma da tutti riconosciuti come modello di qualità e serietà nella propria città.Spiegazione delle varie fasi del progetto, sottoscrizione dei contratti .

4)Pubblicizzare il sito “Nomecittàaltracitta”
Così come esposto al paragrafo precedente: “Il progetto di divulgazione e di visibilità della App”

Conclusioni

Il progetto “Altracittà” e’ un progetto pilota che è parte della fase 2 del progetto per la diffusione del marchio etico-solidale di proprietà di IDES denominato “Ethicalworld” . Vedi il sito dedicato : www. Ethicalworld.it e www.Ethicalworld.ro. Il marchio “Ethicalworld” e’ un marchio collettivo depositato che può essere adottato su base volontaria da qualsiasi soggetto economico che intenda seugirne lo statuto. Il marchio è stato ideato per diffondere la cultura della Responsabilità Sociale di Impresa (RSI) soprattutto trà le micro e le piccole imprese. Il marchio attraverso un meccanismo premiale a punti incentiva chi intende adottarlo a perseguire e diffondere la cultura della qualità ,legalita e della responsabilità ecologica e sociale in tutto il tessuto economico della società.