Figure professionali e mansioni

Mansioni delle figure professionali del network “Ethicalworld”

Le finalità etiche ed umanitarie del progetto “EthicalWorld” devono comportare un atteggiamento di lealtà correttezza e trasparenza da parte di tutti coloro che partecipano al progetto stesso in uno spirito di reciproca collaborazione al fine di riuscire a ottenere i risultati programmati.

Ciascun professionista e’ inoltre tenuto a rispettare il codice deontologico professionale del proprio settore nei confronti di tutti i soggetti con cui entra in contatto durante lo svolgimento del progetto “EthicalWorld”

Nella fase a regime del progetto il  personale sotto riportato sarà impegnato nella gestione del “network” a livello locale e si occupera’ di gestire una rete che si estende su un’area geografica abitata da circa 100-150.000 abitanti e sarà composto da un team di almeno 5 persone :

N. 1 Concessionario  di zona per il marchio Ethicalworld,

N. 2 Community managers di zona

N. 1 Web manager di zona

N. 1 Marketing manager (per più zone)

Concessionario di zona o promotore.

Il concessionario di zona e’ sicuramente la figura più importante , nella propria zona, nel progetto “EthicalWorld”. Si occupa di reperire i volontari e collaboratori nella propria zona, si occupa di reperire e gestire i clienti della propria zona,si occupa della stesura dei contratti, degli incassi e lavora a stretto contatto con i community managers della zona di sua pertinenza seguendo e coordinando il loro lavoro. Per una evidente ragione di costi sarebbe preferibile che il concessionario di zona abitasse in un capoluogo di provincia o in una città con un numero di abitanti superiore ai 50.000 . In questo caso non sarebbe indispensabile per il concessionario possedere un’auto, avendo un sufficiente numero di potenziali clienti a disposizione in città che possono essere visitati a piedi o con i mezzi pubblici. Il concessionario di zona avrà i seguenti compiti che dividiamo in funzione delle principali fasi del progetto

Fase 1 del progetto: Lancio del sito solidale “Altracittà”(nomecittaaltra.it) .Pubblicità al progetto,creazione di gruppi di volontari, costruzione e diffusione dei primi siti internet del gruppo Ethicalworld in città

 

1)Illustrare il progetto “Ethicalworld” e le varie fasi dello stesso a tutti gli stackeholders (portatori di interesse) della propria zona : Associazioni non profit,associazioni religiose presidi responsabili di scuole superiori, autorità comunali,organizzazioni di categoria, camera di commercio locale ecc. Questa operazione dovrà essere fatta personalmente presentandosi alle persone interessate.

2)Formare uno o più  gruppi di volontari che aiutino lo aiutino nelle varie fasi del progetto soprattutto per la formazione dei contenuti dei siti. I gruppi di volontari possono essere facilmente reperiti trà i volontari che già operano nelle parrocchie e nelle associazioni non profit che potrebbero essere beneficiari delle donazioni e trà i professori e studenti delle scuole superiori.

3)Iniziare a popolare il primo sito “Altracittà”  (nomecittaaltra.it) con i contenuti non commerciali . Si dovranno cioè popolare le varie pagine del sito con i contenuti di interesse generale.  Si inizierà con le pagine che illustrano al pubblico nei dettagli il progetto “Altracittà”. Il sito fornisce anche servizi di prossimità e quindi e’ necessario , in seguito, scegliere i luoghi e monumenti più importanti della città e dotarli degli appositi trasmettitori . Si inizierà con un piccolo gruppo di trasmettitori da incrementare nel tempo. Nel frattempo è necessario, con l’aiuto dei volontari, inserire nel sito il contenuto che viene attivato da ciascun trasmettitore seguendo le linee guida impartite da IDES.

4)Selezionare nella propria zona un gruppo di operatori economici di vari settori che condividano le stesse necessita’ di pubblicità e visibilità (esempio ristoranti, parrucchieri, estetisti, centri sportivi ecc), ma da tutti riconosciuti come modello di qualità e serietà nella propria città.Sarà necessario Visitare i potenziali clienti piu’ volte per poter illustrare le finalità (morali) del sito “Altracittà” e del network “Ethicalworld” e i vantaggi (materiali) ad aderire alla iniziativa (marketing di prossimità ecc) , a breve e a lungo termine. E’ indispensabile stabilire con i futuri clienti – partners un rapporto di reciproca fiducia.

5)Invitare il cliente/partner interessato, a sottoscrivere d’apprima una lettera di intenti del tipo di quella che trovate quì e successivamente, dopo una prima valutazione dei servizi di prossimità utili al cliente, un  contratto per la fornitura di servizi del tipo di quello che trovate qui’.

6)In questa fase succcessiva  è necessario valutare tutta una serie di possibili servizi e corrispondenti soluzioni per  il cliente/partner. Bisogna tener presente che è necessario proporre al cliente/partner una serie di soluzioni che siano veramente utili ed  efficaci per il suo lavoro.Tenendo presente che il cliente sarà più interessato al proprio tornaconto che alle finalità del progetto “Altracitta” o  “Ethicalword” che vedrà quindi “Altracittà” come un mezzo per poter sviluppare il proprio lavoro  e non come un fine per la solidarietà.Solo tenendo ben presenti gli interessi del cliente  si potrà lavorare con lo stesso per un lungo periodo di tempo.La collaborazione nel tempo con il cliente è infatti fondamentale per poter tenere in vita il sito “Altracittà” e poter generare delle entrate durature. Sarà quindo necessario:

  1. Valutare con il cliente se e’ necessaria una revisione del proprio sito internet e sottoporgli le varie possibilità per creare un sito nuovo con relative pagine sui social e blog informando il cliente sulle eventuali carenze tecniche della soluzione attuale da lui adottata e delle possibilità di nuove soluzioni tecniche adatte alle tecnologie più avanzate.(esempio carenze sulla usabilità del sito per devices di ultima generazione). Nel caso il cliente fosse favorevole e’ necessario contattare il web master o il community manager convenzionato con la zona e commissionre il novo network per il cliente: sito responsive, blog,pagine social  ecc.
  2.  Stabilire nel dettaglio a  quali servizi di prossimità il cliente è interessato .In base ai servizi e’ necessario stabilire con precisione quanti e quali trasmettitori inserire nella sede operativa del cliente . Eventualmente rivedere  il contratto di cui al punto 5 alla luce di riflessioni e considerazioni operate dal cliente.
  3. Raccogliere il massimo quantitativo possibile di dati relativi al cliente per quanto riguarda la sua attività.(Comprese foto , marchi e altri documenti) I dati devono essere raccolti nell’ottica di costruire da zero le pagine dedicate al cliente nel sito “Altracittà”  e eventualmente  il network Internet locale di proprietà  del cliente in aggiunta a quello del sito “Altracitta” .
  4. Inoltrare i dati cosi’ raccolti al “Community Manager” specializzato  fornendo i dati internet e i dati anagrafici del cliente con tutte le informazioni che possono essere utili al Community manager per poter gestire  le pagine internet del sito “Altracittà ” dedicate al cliente e eventualmente i siti del cliente e le pagine social del cliente .
  5. Collaborare periodicamente con il “Community Manager” a inserire i dati del cliente nelle pagine del sito “Altracittà” e le corrispondenti pagine social controllando che quanto riportato nelle pagine riguardanti il cliente corrisponda a quanto stabilito nelle linee guida del sito “Altracittà” e  ,controllando che tutti i dati inseriti siano corretti.
  6. Redigere un eventuale  contratto per un servizio di visibilità sulle pagine del sito “Altracittà” illustrando in modo opportuno al cliente i vantaggi e i rischi della pubblicità  secondo quanto indicato in questa pagina.
  7. Seguire periodicamente i rapporti trà il web master e il cliente controllandone la correttezza, curare gli incassi  per tutti i servizi sottoscritti dal cliente 

7)Operazioni continue di marketing sul sito “Altracittà” al fine di aumentarne la visibilità e il numero dei visitatori unici nell’unità di tempo. Trà le varie iniziative consigliate dal webmaster per promuovere il sito ci sarà anche quella di telefonare a tutti gli inserzionisti privati possibili al fine di convincerli a inserire gratuitamente le proprie inserzioni nel sito “Altracittà”. I numeri di telefono degli inserzionisti si possono trovare nelle pagine locali dei principali siti di inserzioni gratuite nazionali. Controllo continuo dei dati  di interesse del sito attraverso gli strumenti opportuni predisposti da IDES .

8) Operazioni di inserimento continuo   nel  sito di nuovi contenuti  di interesse generale .Ricerca continua di nuovi clienti e di volontari

Fase 2 del progetto Lancio del marchio solidale “Ethicalworld”. Raccolta di ulteriori adesioni e volontari per il progetto.

Il Promotore in questa fase avrà il compito di convincere i propri clienti a certificarsi secondo quanto stabilito dal regolamento “Ethicalword”. Come stabilito dal regolamento per la stragrande maggioranza dei piccoli commercianti questa operazione avrà un costo nullo o molto basso e in compenso il partner otterrà ulteriore visibilità e la possibilità di partecipare alla fase successiva utilizzando le potenzialità dellla sezione del sito “offerte  speciali” (Tipo Groupon).

Fase 3 del progetto.Lancio del sito solidale di “Offerte molto speciali” e completamento del gruppo di siti internet accessori e specializzati per i vari gruppi merceologici

 

Community manager di zona

Fase1

  • Il community manager ricopre un ruolo fondamentale  nel progetto “Ethical World”. Ha il compito infatti di aggregare a livello locale attraverso i social media e anche per mezzo di qualsiasi altra operazione di marketing , il massimo numero di persone intorno ai singoli clienti che gli vengono assegnati.Sarebbe preferibile anche se non e’ indispensabile che il Community manager abitasse nella stessa zona in cui esercita la professione, in modo da poter anche prendere fisicamente contatti con i clienti e sfruttare all’inizio un patrimonio di amicizie consolidato a livello locale.

Il community manager avrà inoltre i seguenti compiti:

  • Creare e gestire per ciascun cliente le pagine del sito “Altracittà” del blog e le pagine sui social network sia del sito “Altracittà” che eventualmente  dei siti dei clienti.

  • Contattare ciascun  cliente telefonicamente o di persona per concordare una azione di Marketing e/o di marketing di prossimità compatibile con le necessità specifiche del cliente e che sia in accordo con i principi del sito “Altracittà”   e quelli per cui e’ stato istituito il network EthicalWorld.

  • Creare una community locale intorno a ciascun cliente attraverso il sito “Altracittà” i social media e per mezzo di qualsiasi altra azione di marketing concordata con ciascun cliente.

  • Tenersi in continuo contatto con il promotore  per quanto concerne la realizzazione dei punti n. 4 e n. 5 del paragrafo 6 sopra riportato.
  • Presentare a ciascun cliente ogni mese un dettagliato rapporto sul lavoro svolto evidenziando in particolare gli indicatori di risultato (KPI) raggiunti o mantenuti durante il mese trascorso per tutte le pagine o i siti in cui il cliente e’ coinvolto.

fasi 2-3

Nell’area geografica definita dal network locale “EthicalWorld” i community managers saranno in queste fasi tanti quante sono le categorie merceologiche definite nella area stessa. Per esempio: tutti i ristoranti avranno un unico community manager esperto nel settore della ristorazione, tutti i negozi di abbigliamento avranno un community manager specializzto nel settore abbigliamento, tutti gli avvocati avranno un community manager specializzato (ecc). Ogni community manager potra’ gestire un massimo di 20-30 clienti.Nel caso non fosse possibile reperire in una determinata area geografica un numero minimo di clienti ,per un determinato settore merceologico, sufficiente a assicurare una congrua remunerazione al community manager e’ indispensabile che il community manager si specializzi in piu’ settori merceologici. Riteniamo infatti che sia prioritaria per un community manager la conoscenza di clienti potenziali in una determinata area piuttosto che la approfondita conoscenza di un determinato settore merceologico. Il comunity manager dovrà quindi specializzarsi nei settori che gli verranno assegnati per una area definita.

Compiti del community manager in queste fasi

  • Creare una community locale intorno alla categoria o alle categorie merceologiche assegnate, utilizzando il blog locale di IDES denominato” …… “, le pagine social locali di IDES del sito “Offerte molto Speciali a…” e ogni altro mezzo che ritenga più opportuno in linea con i principi del network “EthicalWorld”
  • Gestire in accordo con il promotore ,di cui al paragrafo precedente, le pagine del sito “Offerte molto Speciali a…..” riguardanti esclusivamente la o le categorie merceologiche di sua competenza e i clienti di sua competenza ( Le altre pagine del sito saranno gestite per le rispettive categorie merceologiche dagli altri community managers )

  • Scrivere periodicamente un post nella sezione News del sito “Offerte molto Speciali a…..” che riporti notizie interssanti riguardanti il proprio settore merceologico e i propri clienti.

  • Gestire gli eventuali banners di scambio di pubblicità per i clienti di sua competenza e per le pagine di sua competenza effettuate in accordo con siti interessanti la area del network di sua competenza

  • Tenersi costantemente in contatto con gli altri community managers operanti nella stessa zona in modo da concordare soluzioni comuni di marketing a beneficio dei clienti del network EthicalWorld.

Web Manager di zona

  • Sarà colui che avra’ il compito di gestire tecnicamente tutti i siti locali del network “ethicalWorld” dal punto di vista funzionale in accordo con i community managers e con il promotore.Inoltre dovrà realizzare i siti e le pagine che saranno state concordate con i vari clienti e che saranno state proposte dal rapresentante di zona

Marketing Manager

  • In una prima fase il responsabile marketing dovrà necessariamente essere al servizio di più zone e di più settori merceologici per una ragione di costi. In seguito ogni zona avra’ un resposabile marketing per tutte le attività della zona che dovrà operare in collaborazione con tutti coloro che nella zona si occupano di sviluppare il progetto EthicalWorld.
  • Mano a mano che aumenta il numero di partners sarebbe auspicabile avere un responsabile marketing specializzato per ogni settore merceologico che opera in piu’ zone.

 

Comitato etico di zona

Statuto da definire